11/11/2011 venerdì - l'invasione del mio territorio

oggi finalmente se ne sono andati. Chi? Due vecchi umani che avevano invaso il mio territorio. Io convivo serenamente con i miei soliti amici e anche se a volte quattro umani, di cui due ancora non cresciuti del tutto, fanno una certa confusione, oramai ci sono abituato. Ma in sei non si sopportano!

Oltre tutto questi due rimanevano in casa anche di mattina e, per non farmi mancare niente, se ne aggiungeva un'altra che veniva a preparare il cibo per i vecchietti e a pulire continuamente la cucina e il bagno. Figurarsi per me la scocciatura visto che sono abituato alle mie cinque o sei ore di assoluto silenzio quando i miei amici vanno a lavorare o a scuola.

Di notte poi si svegliavano spesso per andare in bagno e siccome camminavano al buio con il rischio di cadere, Paolo e Cristina avevano messo una lucetta sempre accesa. Un'altra rottura per me che amo il buio!

Durante il giorno cercavo dei posti sempre più nascosti per non farmi trovare e per essere lasciato in pace ma poi, siccome i morsi della fame si facevano sentire, ero costretto spesso ad uscire allo scoperto con il rischio di incrociare uno di loro.

Passavano i giorni e il mio disappunto cresceva, ero più nervoso del solito e per far capire che ne avevo abbastanza facevo la pipì o la popò di poco fuori dalla mia vaschetta. I miei amici che sono molto comprensivi non mi hanno mai sgridato ma anzi mi facevano coraggio e mi dicevano che bisognava sopportarli ancora per qualche giorno.

Dai discorsi e dagli atteggiamenti schizofrenici degli umani ho capito che sarebbe mancato poco alla liberazione del territorio dagli intrusi e infatti oggi il nonno e la nonna sono tornati alla loro casa perché i lavori di ristrutturazione del bagno erano stati completati.

Finalmente!