Sono un gatto nero che č pių nero della sua ombra.

Qui imparete a conoscermi e cosė capirete cosa vuol dire essere un gatto e avere a che fare tutti i giorni con gli umani.
Una faticaccia!

Se avrete la pazienza di seguirmi ho intenzione di confidarmi in un diario "segreto" che ho intitolato "I dolori del giovane Sirius" (Goethe, perdonami!).
E' tutto scritto di mia zampa, parte dal giorno in cui sono stato adottato e descrive la mia infanzia sfigata. E' pieno di mie foto.

Crescendo ho perso la vena letteraria ma, chissā, magari un giorno mi torna.